39a settimana di gravidanza: pancia dura e altri sintomi

39a settimana di gravidanza: pancia dura e altri sintomi

Durante i nove mesi della gravidanza, la pancia è la parte del corpo che subisce il maggior numero di cambiamenti visibili dovuti alla crescita del feto. Fin dalle prime settimane di gestazione infatti è possibile avvertire, ad esempio, delle particolari sensazioni come di pancia gonfia e dura. Di solito gli indurimenti di pancia sono tipici delle ultime settimane di gravidanza, ma possono anche manifestarsi con diversa intensità durante tutti i mesi di gestazione e sono dovuti alle contrazioni uterine. Queste contrazioni dipendono dall’adattamento dell’utero alla crescita del feto e sono molto diverse da quelle che annunciano alla donna che il travaglio è imminente.

Inoltre la sensazione di pancia dura dovuta alle contrazioni uterine interessa tutto il pancione, mentre se, al contrario, la pancia si presenta dura solo in una zona precisa del ventre potrebbe essere dovuta al bambino che punta i piedi, le mani o un’altra parte del corpo. In questi casi è sufficiente fare un massaggio delicato sulla la parte indurita per farla rilassare. Quello che manca ora al bambino è lo spazio: l’utero nelle ultime settimane diventa uno spazio troppo piccolo e il vostro bimbo fatica a muoversi e a distendere gambe e braccia. Il bambino ora dorme quasi tutto il giorno perché deve raccogliere le forze in previsione della nascita che lo impegnerà moltissimo. Può succedere che gli indurimenti di pancia durino per un tempo piuttosto prolungato, a volte per tutta la giornata o che si verifichino anche durante la notte. In questi casi, la sensazione di pancia dura può essere dovuta a disturbi come stitichezza, problemi intestinali o anche stanchezza e sforzi fisici. In queste situazioni è consigliabile stare a riposo ed evitare gli sforzi, perchè l’utero sollecitato tende a contrarsi.

In questa settimana potreste aver notato che il bambino è sceso nel vostro bacino, rendendovi più semplice la respirazione, ma più difficile camminare, allacciarsi le scarpe o anche semplicemente alzarsi dal letto o da una sedia. Potreste sentirvi goffe come se steste ondeggiando, a causa del cambiamento del vostro centro di gravità, e stanche di questa situazione.Vi sentirete più pesanti man mano che il bimbo cresce, di conseguenza sarete meno a vostro agio. Comunque, ricordatevi che tutto questo finirà presto.

Potreste anche perdere il tappo di muco, questa situazione permetterà al vostro collo dell’utero l’inizio della dilatazione per prepararvi al travaglio. Avrete forti dolori nel compiere movimenti che finora vi risultavano naturali e le contrazioni aumenteranno con il passare del tempo. Le acque si potranno rompere in qualsiasi momento o potreste cominciare solo ad avere delle piccole perdite che le anticipano. Se sentite che si sono rotte le acque, o stanno per farlo, allora dovete consultare un medico, perché è molto probabile che il parto sia in arrivo. Il bambino si sistema nella parte più bassa della pelvi e la cervice diventa morbida, corta e sottile. Assicuratevi che nella borsa per l’ospedale non manchi nulla perchè potrebbe servirvi da un giorno all’altro o addirittura da un momento all’altro!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi con * sono obbligatori